Fròmista

Hola! Sarà che questa mattina sono partito con un pensiero in testa, che mi legava fortemente all’Italia e ad alcune persone a cui voglio bene, distratto e anche preoccupato, ho sbagliato strada!!.Così a quelli ufficiali bisognerebbe aggiungere 4 o 5 km. Peccato perché questa mattina ero partito come un leone.

Giovanni (vedi Giada?) è partito prima di me, e io dopo essermi perso e ritrovato, ho camminato con una coppia di spagnoli (vedi Giada?), e due italiani (padre e figlio: vedi Giada?). Poi a Castro Eriz, ho ritrovato Cristina, Silvia e Cinzia (Sara era fuori uso per un dolore forte al piede e ha fatto sosta!).

Ripreso il cammino siamo arrivati all’albergue della Confraternità Iacopea di Perugia: bellissimo! Così ho conosciuto il “famoso” priore della Confraternita, colui che mi ha rilasciato la credenziale. Ridendo e scherzando e soprattutto camminando, si è fatta l’ora di pranzo. Mangiato e preso l’ultima pillola di antinfiammatorio. Lasciato Cinzia e Silvia, pensavo di fare tappa con loro a Boadilla, ma quando sono arrivato lì, alle 15,30, caldissimo, mi è venuta nostalgia di Giovanni. Ho continuato per altri 6 km fino a Fròmista. Questa volta con un dolore al piede e alla gamba destri. Ma non dovrebbe essere nulla di preoccupante.

Mi sono spalmato sul letto fino alle 19. Doccia e ora scappo a cena. La meseta è bella e affascinante! Insegna a svuotare se stessi da tutto! Da tutto ciò che opprime la mente. Questa è davvero un’esperienza fantastica. La solitudine e la compagnia, il sole e il vento, la fatica e l’acqua che placa ogni sete.

Domani tappa breve e riposante (20 km). Oggi siamo a 354 km percorsi!!

Saluti a tutti! Ma soprattutto a GIUSEPPE!

Fròmistaultima modifica: 2008-07-14T19:51:14+00:00da viandante8
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Fròmista

  1. ciao Dino,lo dico io a papà che hai scritto un saluto speciale per lui! Domani mattina torna a casa! Speriamo bene!!!

  2. Hola Dino!!!!!
    è proprio vero, le mesetas sono meravigliose….
    “pensi, o meglio fissi l’orizzonte e credi che li c’è la tua meta….”
    invece una volta arrivato ti accorgi che ancora devi camminare fino ad un’altro orizzonte e pensi “sarà quella la vera meta o dovrò pedalare ancora?”.
    come nella vita; “ti poni un obbiettivo, ma una volta raggiunto ti accorgi che hai dato veramente poco e fissi ne fissi subito un’altro, ma ti sorge subito il dubbio se sarà sufficiente”
    il mio pensiero è un pò intrecciato, ma spero, anzi ne sono certo che, che tu Dino l’abbia compreso
    buen camino.
    p.s. tanto oggi farai più di 20 km,ne sono certo….

  3. Ciao Don Dino…
    siamo Mauro e Giorgia di Vicenza,
    compagni di cammino fino a Burgos…
    dopo le peripezie del viaggio di ritorno
    (ci siamo ritrovati a dormire in un Motel)
    oggi è riniziato il lavoro ma una parte è dedicata
    a cercarti nel web per sapere come sta andando.
    Lasciare il cammino è stato molto difficile e triste,
    continueremo a leggere il tuo cammino
    e un po’ ci sembrerà di essere ancora li con voi.
    Salutaci gli italiani, ci mancate…
    ciao Mauro e Giorgia

  4. ….salve Don Dino, non mi conoscete….sono Giovanna e vi scrivo da Salerno…sono venuta a conoscenza del vostro cammino da un vostro parrocchiano, mio amico e vi sto seguendo giorno per giorno….anche io ho fatto la vostra esperienza nel lontano 2004 anno giubilare spagnolo….il mio cammino è stato solo di 120Km con 1200 spagnoli…non ci sono commenti ma solo emozioni, tante…e rileggendo il vostro diario mi ritorna in mente (con nostalgia) il mio cammino…è vero sole e pioggia, dolori e piaghe ai piedi, poca igiene (dormivamo nei sacchi a pelo in scuole, garage, tende ecc…) ma tanta tanta tanta serenità, tanta solidarietà, tanto amore gratuito, tanta pace del cuore…camminare con dolore ma con una meta ben definita, con amore, con gioia…arrivare e subito non sentire più il dolore ma anzi la voglia di ricominciare….grazie per la vostra condivisione.

  5. ciao dino, papà è tornato a casa. Speriamo che si sistemi tutto presto. Lunedì inizia la riabilitazione. Ci sentiamo per telefono. PS: all’asilo gira la varicella…speriamo che non arrivi a casa mia perché ci manca solo questa! Prega anche per questo per favore.

  6. Ciao Don Dino,
    a causa del computer guasto non siamo riusciti a leggere in diretta il diario dei giorni, a quanto pare, più duri fino ad ora.
    Adesso sembra che il peggio sia passato anzi ti sentiamo più carico che mai, siamo felicissimi di ciò.
    Ti siamo stati vicini comunque attraverso la preghiera e ti chiediamo di fare altrettanto.

    P.S.: domani ci inontriamo a casa di Giovanni e Cristina per l’ adorazione Eucaristica, pregheremo sicuramente anche per il tuo cammino

I commenti sono chiusi.